Fondo Arde Lucus Concello de Lugo
idiomas

Il cuore di Lugo, l\'antica Lvcvs Avgvsti, è circondato da mura romane con un perimetro di oltre due chilometri. Chiunque abbia familiarità con le belle muraglie medievali che si conservano in molte città europee sarà stupito dalla grandezza di questo monumento unico, perché questa imponente fortezza urbana è l\'unica che conserva tutto il suo perimetro nei tre continenti sui quali si estendeva il territorio dell\'Impero Romano. Per questo motivo, il 2 dicembre 2000, l\'UNESCO ha ufficialmente iscritto le mura della città di Lugo nella lista dei monumenti dichiarati Patrimonio dell\'Umanità, secondo l\'accordo raggiunto il 30 novembre 2000. Dopo la sua incorporazione all\'Impero Romano attraverso le cosiddette Guerre Cantabriche, la Gallaecia dell\'epoca fu divisa in tre grandi distretti legali o conventi giuridici: il Bracarense, l\'Asturicense e il Lucense. La terra che oggi chiamiamo Galizia occupa tutto il territorio della Gallaecia Lucense, una piccola parte del Bracarense e una parte ancora più piccola dell\'Asturicense.

Lucus Augusti era un\'importante città di provincia, situata strategicamente in un importante nodo di comunicazione; ricordiamo che, secondo Plinio, Roma otteneva diecimila libbre d\'oro ogni anno dalle miniere della Gallaecia. Ed essendo l\'epoca della \"pax romana\", era una città aperta.

Tra la fine del III e l\'inizio del IV secolo, quando la città aveva già trecento anni, si realizzò una riforma che spostò leggermente la sua posizione verso nord, anche se continuò a coincidere in gran parte con l\'occupazione originale. Ma questi erano tempi critici dal punto di vista politico e militare, e una nuova e potente protezione fu costruita intorno a Lugo: un imponente muro di pietra lungo 2.117 metri, coronato da 85 grandi torri semicircolari tra i dieci e i tredici metri di diametro, che originariamente disponevano di due piani sopra il parapetto e di due grandi finestre; le torri che fiancheggiavano le porte erano probabilmente alte tre piani. A tutte o alla maggior parte delle torri si accedeva dall\'interno della città tramite scale aperte a mezza altezza nel corpo del muro, che potrebbero essere state integrate da scale mobili in legno. I muri tra le torri variano in larghezza tra gli 8,80 m e i 16,40 m; lo spessore medio dei muri è di sei metri; il parapetto, che oggi si trova tra gli otto e i dodici metri dal suolo esterno, sarebbe stato allora ad un\'altezza più regolare.

Ecco come si presentavano le mura romane di Lugo, una città di duemila anni ormai. Passarono diciassette secoli, la sua funzione militare terminò, le torri caddero, tranne un resto nella Mosqueira, si aprirono nuove porte, la popolazione si espanse fuori dalle mura... Ma il perimetro si conserva ancora nella sua interezza e si possono ancora vedere 71 torri fino al livello del parapetto, che danno a questa tremenda fortezza il suo carattere inconfondibile.

Tre delle porte originali sono state conservate con poche modifiche, e una di esse, la porta Miñá, è quasi come fu costruita. Diverse scale di accesso originali della guarnigione sono ancora visibili oggi. Il parapetto, largo circa quattro metri, è una straordinaria passerella tradizionale, a cui si accede da scale relativamente moderne attaccate alla faccia interna del muro. Di giorno è il miglior punto panoramico sulla città vecchia; di notte, grazie all\'illuminazione discreta, è una passeggiata poetica piena di mistero. Ma c\'è molto di più da vedere a Lugo...